Finprest | Il prestito facile e veloce
 Finprest | Regole sulla trasparenza

Regole sulla trasparenza :

TUTELA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI E DELLA CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA.

Le regole sulla trasparenza delle condizioni contrattuali e sulla correttezza delle relazioni con la clientela permettono ai clienti delle banche e degli intermediari finanziari di sapere quali sono i loro diritti e quali i loro obblighi quando acquistano prodotti bancari e finanziari (conti correnti e altre forme di deposito, finanziamenti e strumenti di pagamento). Un'informazione chiara e corretta sui prodotti e i servizi offerti è importante per tutti. Per gli intermediari significa prevenire i rischi di contenzioso con la clientela e di perdita di reputazione.
Per i clienti significa poter confrontare con facilità le diverse offerte e fare scelte consapevoli. Ciò incentiva la concorrenza e contribuisce a contenere i costi. Ai clienti gli intermediari devono:

  • Far conoscere le caratteristiche e i costi dei servizi.
  • Assicurare la piena corrispondenza tra le condizioni applicate e quelle pubblicizzate.
  • Inviare comunicazioni periodiche sull'andamento del rapporto contrattuale e in particolare sull'effettiva consistenza delle linee di credito disponibili.

Questi obblighi non hanno un valore solo formale, ma sono stati introdotti per incidere sulla correttezza sostanziale delle relazioni tra intermediari e clienti.
I più recenti sono particolarmente stringenti per:

  • L'informativa alla clientela al dettaglio: consumatori, professionisti, artigiani, enti senza scopo di lucro, micro-imprese.
  • Le misure di natura organizzativa che garantiscano il rispetto della disciplina di trasparenza e la correttezza nei rapporti con l'utenza, quali regole per la gestione dei reclami e per l'impiego della documentazione di trasparenza nella commercializzazione dei prodotti bancari e finanziari.

La Banca d'Italia svolge controlli sul rispetto degli obblighi in materia di trasparenza e correttezza attraverso ispezioni presso gli intermediari e verifiche sul buon funzionamento dell'organizzazione e delle procedure interne.
In occasione delle rilevazioni previste dalla legge in materia di usura, verifica il rispetto dei "tassi-soglia" sulle operazioni di finanziamento.
Se riscontra anomalie o comportamenti scorretti, la Vigilanza della Banca d'Italia interviene secondo la rilevanza e la tipologia delle anomalie e chiede agli intermediari di:

  • Adeguare gli schemi contrattuali alle prescrizioni di legge o regolamentari.
  • Rimborsare i clienti ai quali siano state applicate condizioni più onerose rispetto a quelle pubblicizzate.
  • Ripristinare le condizioni pattuite in caso di variazioni con effetto retroattivo sfavorevoli per i clienti e non comunicate loro nelle forme previste dalla legge.